Pianificare la gravidanza

In quanto donna con epilessia, dovresti pianificare con molto anticipo una potenziale gravidanza. È davvero importante capire:

  • cosa devi sapere e fare per avere una gravidanza il più sicura possibile
  • i rischi per il feto di una gravidanza non correttamente seguita in una donna con epilessia
Domande per il tuo medico
  1. La mia epilessia renderà più difficile il concepimento?
  2. Cosa devo fare per pianificare una gravidanza?
  3. Quali fasi prevederà il mio programma? La tempistica è realistica?
  4. Cosa devo fare ora? Ad esempio, dovrei assumere contraccettivi fino a quando la revisione del mio farmaco anti-crisi è completa o il controllo delle mie crisi non è migliorato?
  5. Quali sono i vantaggi del controllo delle crisi prima della gravidanza?
  6. Quali potrebbero essere i rischi sul bambino del farmaco anticrisi che assumo, se rimango incinta?
  7. Quali sono i rischi relativi alle crisi per me e il mio bambino se rimango incinta?
  8. E il rischio di SUDEP (la morte improvvisa e inattesa di una persona con epilessia)?
  9. Quali sono le alternative ai farmaci anticrisi? Potrebbero includere terapie come la chirurgia o la stimolazione del nervo vago?

Cosa considerare in vista di una gravidanza

Posso rimanere incinta?

Oggi più che mai molte donne con epilessia hanno delle gravidanze e hanno bambini sani. Ciò è probabilmente dovuto al fatto che un miglior controllo delle crisi ed una miglior conoscenza dell’epilessia hanno portato più persone con epilessia a iniziare relazioni a lungo termine.

Tuttavia, le donne con epilessia hanno un tasso di fertilità leggermente inferiore rispetto a quelle della popolazione generale . Ciò è stato in parte attribuito a una frequenza più elevata di irregolarità mestruali e altri problemi ginecologici causati dai farmaci per le crisi.

Inoltre, sappiamo che i lobi temporali del cervello hanno un ruolo nella regolazione ormonale. Se si verificano crisi che originano da quelle aree, è più probabile che si verifichino mestruazioni irregolari, cisti ovariche e menopausa precoce, tutti aspetti che possono rendere più difficile una gravidanza.

I farmaci antiepilettici possono anche influenzare il modo in cui il tuo corpo regola gli ormoni e possono causare problemi di fertilità.

Cosa dovrei sapere prima di rimanere incinta?

Una gravidanza fisiologica è possibile: la maggior parte delle donne con epilessia ha bambini sani. Tuttavia, è importante pianificare con largo anticipo, forse anche un anno, prima di provare ad avere un bambino. La pianificazione è la chiave del successo!

  • Ricorda, così come i farmaci possono influenzare il tuo bambino, anche le crisi epilettiche possono farlo. Prenditi del tempo per capire questi aspetti ed anche come la gravidanza può influenzare la frequenza e la gravità delle crisi.
  • Qualsiasi farmaco può comportare un rischio di malformazioni fetali, che si verificano in una fase molto precoce dello sviluppo del bambino, anche prima che tu possa sapere di essere incinta: ecco perché una pianificazione è così importante.
  • Ogni donna è diversa. È fondamentale parlare con il medico, quindi non prendere decisioni da sola o seguendo i consigli di Internet.

Cosa dovrei fare se voglio provare ad avere un bambino?

  • Parla con il tuo medico delle tue intenzioni, in modo che possa aiutarti a trovare il farmaco più efficace e sicuro per te, tenendo presente il tuo tipo di epilessia. Il farmaco giusto dovrebbe ridurre o eliminare le crisi riducendo al minimo qualsiasi potenziale rischio per il feto.
  • Il medico potrebbe consigliarti di effettuare un dosaggio dei farmaci anticrisi nel sangue prima di rimanere incinta. Il medico potrà poi usarlo come riferimento per la gravidanza.
  • Consulta anche un ginecologo e assicurati di assumere acido folico e altre vitamine, per ridurre il rischio di malattie congenite. Inizia ad assumerli almeno tre mesi prima di provare a rimanere incinta. Scopri la quantità di acido folico adatta a te: potrebbe dover essere maggiore per le donne che assumono determinati farmaci anticrisi.
  • Annota tutte le tue crisi e tutti i possibili fattori scatenanti.
  • Mantieni uno stile di vita sano con un regolare esercizio fisico, una dieta equilibrata e buone abitudini di sonno.

Se possibile, vai a visita dal tuo medico con i tuoi familiari o amici.

Domande per il tuo medico
  1. La mia epilessia renderà più difficile il concepimento?
  2. Cosa devo fare per pianificare una gravidanza?
  3. Quali fasi prevederà il mio programma? La tempistica è realistica?
  4. Cosa devo fare ora? Ad esempio, dovrei assumere contraccettivi fino a quando la revisione del mio farmaco anti-crisi è completa o il controllo delle mie crisi non è migliorato?
  5. Quali sono i vantaggi del controllo delle crisi prima della gravidanza?
  6. Quali potrebbero essere i rischi sul bambino del farmaco anticrisi che assumo, se rimango incinta?
  7. Quali sono i rischi relativi alle crisi per me e il mio bambino se rimango incinta?
  8. E il rischio di SUDEP (la morte improvvisa e inattesa di una persona con epilessia)?
  9. Quali sono le alternative ai farmaci anticrisi? Potrebbero includere terapie come la chirurgia o la stimolazione del nervo vago?

Preoccupazioni per il tuo bambino

Mio figlio avrà l’epilessia?

Il figlio di una persona con epilessia ha alcune probabilità in più di avere l’epilessia. Il rischio complessivo che una persona abbia crisi non provocate è compreso tra l’1% e il 2% nella popolazione generale e aumenta fino a circa il 6% se uno dei genitori ha l’epilessia.

È più probabile che tuo figlio sviluppi l’epilessia se la tua epilessia è ereditaria (genetica).

Se sei preoccupata che tuo figlio possa avere l’epilessia, parla con il tuo medico per ottenere una consulenza genetica. Ricorda, comunque: la maggior parte dei bambini con epilessia ha un controllo completo delle crisi con la terapia e conduce una vita normale.

Quali sono i rischi per il mio bambino se rimango incinta?

Sia le crisi, particolarmente le crisi convulsive, che i farmaci anticrisi possono comportare dei rischi per il feto. Le crisi durante la gravidanza possono causare:

  • Travaglio prematuro
  • Aborto spontaneo
  • Riduzione della frequenza cardiaca fetale

L’esposizione a più di un farmaco per le crisi può aumentare il rischio di interferenze con lo sviluppo cognitivo del piccolo, ma è verosimile, per quanto non ancora ben noto, che i rischi siano diversi per diverse combinazioni di farmaci.

Tuttavia, il controllo delle crisi è fondamentale durante la gravidanza perché i rischi di crisi incontrollate sono maggiori dei rischi causati dai farmaci.

Cosa devo fare per ridurre la possibilità di anomalie congenite nel mio bambino?

Le donne in generale possono ridurre il rischio di anomalie congenite assumendo acido folico nella fase in cui si formano il cervello e il midollo spinale del feto, cioè all’inizio del primo trimestre di gravidanza. Perciò è importante che lo assumano prima ancora di rimanere incinta.

Infatti, tutte le donne con epilessia in età fertile dovrebbero assumere un integratore quotidiano di acido folico.

La maggior parte dei bambini nasce con bassi livelli di vitamina K, una vitamina fondamentale per aiutare il sangue a coagulare e prevenire gravi emorragie. Alcuni farmaci per l’epilessia, come la fenitoina e il fenobarbital, possono aumentare il rischio che un neonato abbia una carenza di vitamina K.

Tuttavia, se il tuo bambino riceve vitamina K alla nascita (ed in Italia questa è la prassi- NdT-), è raro che ciò accada.

Anche se prendi un farmaco che può causare una carenza di vitamina K, assicurati di parlare sempre dei farmaci con il tuo medico prima di apportare modifiche.

Valproato: cosa c’è da sapere

Cosa succede se prendo valproato e voglio rimanere incinta?

Il valproato è un farmaco usato per trattare l’epilessia. Può essere molto efficace nel controllare le crisi, ma se hai l’epilessia e rimani incinta durante il trattamento con valproato, il tuo bambino è a maggior rischio di gravi malattie congenite e disturbi dello sviluppo. L’assunzione di acido folico non riduce questo rischio.

Sebbene il valproato non sia generalmente adatto alle donne che possono avere figli, in alcuni casi potrebbe essere l’unica scelta, laddove altri farmaci non abbiano funzionato. In questi casi, devono essere messe in atto misure molto efficaci per prevenire la gravidanza.

Se una donna che assume un farmaco contenente valproato decide di rimanere incinta, deve essere pienamente consapevole e accettare l’aumento del rischio di malattie congenite anche gravi nel suo bambino.

Quali sono i rischi dell’assunzione di valproato in gravidanza?

Per le donne che assumono valproato durante la gravidanza:

  • Circa 10 bambini su 100 avranno un’anomalia congenita, rispetto a circa due o tre bambini su 100 per le donne in generale. Questi includono:
    • Spina bifida, che si verifica quando c’è una chiusura incompleta della colonna vertebrale
    • Malformazioni del viso e del cranio, inclusi labbro leporino e palatoschisi, che si verificano quando c’è una chiusura incompleta del labbro superiore e/o del palato
    • Malformazioni degli arti, del cuore, dei reni, delle vie urinarie e degli organi sessuali
    • Problemi di udito o sordità.
  • Fino a 30-40 bambini su 100 avranno problemi di sviluppo , come ad esempio:
    • Ritardo nell’imparare a camminare e parlare
    • Intelligenza inferiore rispetto ai coetanei
    • Scarse abilità verbali
    • Problemi di memoria.
  • Inoltre vi è un aumentato rischio di autismo o disturbi dello spettro autistico e di disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD)

Come posso ottenere più informazioni sul valproato?

Nel febbraio 2018, l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha introdotto misure per ridurre il rischio di esposizione al valproato dei bambini nel ventre materno. La maggior parte dei paesi dell’UE le ha messe in atto e anche il Regno Unito ha un programma di prevenzione.

Cosa succede se scopro di essere incinta mentre prendo il valproato?

Se stai assumendo valproato e rimani incinta, non interrompere l’assunzione del medicinale senza prima aver consultato il medico.  Farlo potrebbe portare a un peggioramento anche pericoloso delle crisi.

Se pensi di essere incinta, contatta il ​​medico il prima possibile. Può continuare a prescriverti il valproato, ma solo se non esiste un altro trattamento adatto per la tua epilessia.

Ovunque tu sia nel tuo viaggio, abbiamo informazioni per supportarti…